Sostienici, adotta l'informazione libera.



Pagine

15 ottobre 2016

BARCELLONA, IL PROCESSO ‘SISTEMA’: IL BOSS PIETRO NICOLA MAZZAGATTI DOVRA’ SCONTARE 8 ANNI DI RECLUSIONE



di LEONARDO ORLANDO – GAZZETTA DEL SUD 

I GIUDICI DELLA CORTE D’APPELLO DI REGGIO CALABRIA, SU RINVIO DELLA CORTE 

DI CASSAZIONE CHE AVEVA ANNULLATO LA SENTENZA DI ASSOLUZIONE DECISA A

MESSINA NEL PROCESSO DI SECONDO GRADO, HANNO CONDANNATO, PER LE 

ESTORSIONI CON LE MODALITÀ MAFIOSE CONTESTATE NEL PROCESSO SCATURITO 

DALL’OPERAZIONE ANTIMAFIA ‘SISTEMA’, AD 8 ANNI DI RECLUSIONE IL BOSS 

PIETRO NICOLA MAZZAGATTI, 56 ANNI, DI SANTA LUCIA DEL MELA.

Stato-mafia, e venne il giorno del silenzio di Rosario Pio Cattafi da Barcellona Pozzo di Gotto (ME)




di Aaron Pettinari e Miriam Cuccu


“Mi avvalgo della facoltà di non rispondere”. Così Rosario Pio Cattafi, ex avvocato  di Barcellona Pozzo di Gotto condannato per mafia in appello a 7 anni di reclusione per essere stato affiliato alla mafia barcellonese fino al 2000 (c'è già stato il ricorso in Cassazione della Procura di Messina che lo ritiene invece come capo e promotore della mafia di Barcellona Pozzo di Gotto), al processo trattativa Stato-Mafia sceglie la via del silenzio.

Un vero e proprio dietrofront dopo le dichiarazioni rese alla Procura in sede di indagini e che avrebbe dovuto ripetere oggi. I pm, infatti, avevano chiesto di ascoltare Cattafi in qualità di teste assistito (come già avvenuto in altri procedimenti), in quanto vi è comunque “un collegamento probatorio tra i fatti contestati a Messina e quelli in esame oggi”. 

La legale di fiducia di Cattafi, l'avvocato Priano, ha invece chiesto di sentire il suo assistito ai sensi dell'art.210, ovvero come imputato in procedimento connesso. Il Presidente Montalto“tenuto conto quanto rappresentato e dovendo valutare se Cattafi abbia già reso dichiarazioni a carico degli imputati di questo processo”, ha dunque disposto l'esame di Cattafi proprio in questo senso.
In fase di indagine, ai magistrati palermitani che l'hanno citato, Cattafi disse che nel 1993, quand'era detenuto per l'indagine sull'autoparco di Milano, ricevette una richiesta dall'allora vice capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Francesco Di Maggio, affinché contattasse, tramite l'avvocato Salvatore Cuscunà, il boss catanese Nitto Santapaola per cercare di fermare le stragi mafiose.
A suo dire, dalle informazioni raccolte da Di Maggio durante il suo impiego presso l’Alto Commissariato Antimafia, Santapaola sarebbe stato ‘quello più malleabile’ con cui parlare per fermare questo attacco allo Stato. Di Maggio avrebbe detto a Cattafi che quest’ultimo avrebbe potuto promettere ‘qualsiasi cosa’ - tipo arresti domiciliari - all’avvocato di Cuscunà per favorire il buon esito dell’iniziativa.

Questo primo incontro sarebbe avvenuto in un bar di Messina e a quel colloquio si sarebbero uniti anche quattro o cinque carabinieri del Ros giunti sul posto dopo una telefonata con Di Maggio stesso. Fatti che aveva ripetuto anche al processo Mori.
Da quando, però, è tornato in libertà il suo atteggiamento è cambiato e, come avvenuto al processo Capaci bis, ha anche rivisto alcune dichiarazioni.
Ambiguità emerse già durante gli interrogatori di fronte alla Procura di Palermo. Basti pensare a cosa rispose quando il pm Di Matteo chiese a Cattafi di specificare i nomi dei convenuti in quell'incontro a Messina. “Ci sono dei momenti che ho l’impressione che sia un nome rispetto ad un altro - disse Cattafi - Poi, per onestà, forse a causa anche delle mie condizioni, dopo una settimana ho il dubbio. Siccome si tratta di indicare una persona, uno deve avere la certezza prima di fare il nome di qualcuno, non lo può far così a cuor sereno … Io vivo una condizione particolare in questo momento: mi reputo innocente, arrestato ingiustamente … Non è vero che uno alla galera è abituato … Tutto questo non mi mette nelle condizioni di tranquillità e serenità e poiché io un briciolo di coscienza ce l’ho non mi sento nelle condizioni di riconoscere qualcuno”.

Nel frattempo Cattafi è passato dal regime carcerario del 41 bis, un periodo durante il quale avrebbe anche ricevuto l'interessamento da parte dei Servizi di sicurezza, alla libertà, così come disposto dalla stessa Corte d'appello di Messina. Ed oggi è tornato a far sentire il suo “peso”, o meglio il suo “silenzio” seguendo le migliori tradizioni. Anche se forse il detto andrebbe riscritto: "La meglio parola non è quella che non si dice ma quella che si dice a metà".

21 settembre 2016

Comunicato stampa in merito alla mancata intitolazione dell'aula consiliare di Milazzo ai magistrati Falcone e Borsellino



21 settembre 2016


Antimafia è una parola ormai inflazionata, perché molti professionisti della politica di questa parola ne continuano ad abusare per conquistare un “attestato antimafia”, molte volte sottoscritto e legittimato, dalla società civile – quella della “gente perbene”. 

Noi dell’Associazione Antimafie Rita Atria non entreremo nel degradante scontro politico che si sta combattendo all’interno del consiglio comunale di Milazzo - città a noi sempre cara, perché ci ha visti nascere - sull’opportunità o meno di intitolare l’aula consiliare ai magistrati Giovanni e Paolo, vittime di mafia. A noi interessa alzare una barriera impenetrabile tra la vera antimafia sociale, quella di Peppino Impastato e Pippo Fava, e la falsa antimafia dei simboli. 

Noi siamo molto orgogliosi della nostra antimafia sociale e contrastiamo chiunque la tradisca o la neghi e all’antimafia dei simboli preferiamo sempre quella palpabile e concreta, la memoria attiva fatta di azioni e non di targhe. Un esempio concreto potrebbe essere quella commissione di controllo contro le infiltrazioni malavitose presieduta dai cittadini, promessa in campagna elettorale dall‘odierno sindaco Formica. Una proposta, che andrebbe estesa però, anche alle associazioni antimafia e antiracket attive sul territorio, su cui potersi confrontare e alle quali tutte forze politiche dovrebbero aderire, se si ha intenzione di fare vera antimafia nell’amministrazione della res publica. 

Associazione Antimafie Rita Atria

Avvertenze sul blog






SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.